Lockdown o vaccino: come investire durante il COVID?

By redazione gimme5

Il 2020 è stato un anno ricco di colpi di scena, in cui abbiamo assistito a conseguenze disastrose sul piano sociale, sull’economia mondiale e sui mercati finanziari.

Con lo scoppio della pandemia del COVID-19 ad inizio anno, molti paesi sono stati costretti ad adottare misure restrittive per cercare di controllare la diffusione dei contagi. Questo ha causato ripercussioni negative sull’economia globale e ha fatto si che il 2020 si chiuda con una recessione economica che non si vedeva dai tempi della Seconda Guerra Mondiale.

Dopo un’estate apparentemente normale, con l’arrivo dell’autunno la situazione è peggiorata nuovamente e abbiamo assistito ad una seconda ondata di contagi, sia in Europa che negli Stati Uniti. Nelle ultime settimane, le notizie di un vaccino disponibile già a fine gennaio, hanno riacceso la speranza di un ritorno alla normalità, senza però far sparire completamente le incertezze. In questo contesto, occorre tenere bene a mente una serie di regole da seguire per investire i propri risparmi.

Qual è stato l’andamento dei mercati nel corso del 2020?

I mercati sono molto sensibili a ciò che accade nel mondo e il loro andamento ne viene costantemente influenzato. Basta pensare che un crollo dei mercati, ovvero una variazione negativa maggiore del 10%, si verifica in media una volta all’anno negli Stati Uniti, ma l’80% di queste correzioni sono solo di breve periodo. È possibile intuire, quindi, che le notizie di quest’anno non possono aver lasciato il mercato indifferente. La pandemia ha colto i mercati di sorpresa, provocando oscillazioni molto violente e facendo registrare livelli di volatilità a cui non si assisteva da tempo. Se a febbraio i mercati azionari si trovavano ai loro massimi di sempre, nel giro di poche settimane hanno subito una discesa del 30-40%.

Durante il lockdown, con le attività chiuse e la disoccupazione crescente, era impossibile prevedere la fine delle misure restrittive e i danni economici che ne sarebbero scaturiti. Questa incertezza ha fomentato tra gli investitori una perdita di fiducia verso l’economia. La crescente emotività ha poi spinto molti a vendere le proprie posizioni per rifugiarsi in attività sicure (dollaro, oro etc..).

Dopo il crollo di marzo, abbiamo però assistito ad una ripresa straordinaria dei mercati azionari. L’effetto combinato del supporto senza precedenti fornito dalla politica monetaria e fiscale assieme all’annuncio delle case farmaceutiche Pfizer e Moderna, della scoperta di un vaccino con efficacia di oltre il 90%, hanno risollevati gli animi, dando una spinta alle Borse globali: dai minimi di marzo a fine novembre, il mercato americano è salito del 60%. Per potere però procedere ad una vaccinazione di massa bisognerà avere ancora pazienza. Sappiamo che usciremo da questa situazione di emergenza, ma nessuno sa dire con precisione quando.

Quali sono le regole da seguire per investire in periodi di incertezza?

In quest’anno di montagne russe, in cui notizie contrastanti si sono susseguite in un arco temporale molto breve, decidere di investire non è sicuramente una scelta facile da prendere.

Quando si verificano situazioni di elevata incertezza, è fondamentale attenersi ad alcune regole precise per investire i propri risparmi in modo consapevole.

  1. Definire i propri obiettivi. Prima di prendere qualsiasi decisione di investimento, è importante chiedersi per cosa si intende investire. Definire i propri obiettivi in modo chiaro e preciso aumentare la propensione al risparmiare e, come dimostra una recente ricerca americana, aumenta quasi del doppio l’effettiva probabilità di raggiungerli. Si può anche considerare che tassi di interesse praticamente negativi rendono poco accattivante l’idea di lasciare i propri soldi sul conto corrente, mentre la scomparsa di quegli investimenti a reddito fisso dei decenni passati (BOT 3-4-5%) e i rendimenti dei titoli di stato ai minimi in tutti i Paesi “core” e nei mercati emergenti “EM”, rendono le azioni dei prodotti più interessanti del tasso privo di rischio.
  2. Fissare un orizzonte temporale. È necessario darsi un tempo limite per raggiungere il proprio obiettivo, coerentemente al rischio dell’investimento che si intende sopportare: con un rischio elevato è indicato definire un orizzonte temporale di lungo, per tollerare meglio gli alti e bassi di breve periodo. Nel lungo, infatti, i mercati azionari tendono sempre a crescere: su un orizzonte temporale di 10 anni la probabilità di perdita è del 4%, su 15 anni scende praticamente a zero. Va anche detto che il tempo è il migliore alleato dell’investimento, dato che per la forza dell’interesse composto, prima si inizia a investire, minore è l’importo necessario a raggiungere l’obiettivo.
  3. Contenere l’emotività e restare razionali. Una volta che si ha fissato il proprio obiettivo e l’orizzonte temporale associato, è fondamentale rimanervi fedeli, dando poco peso agli eventi di breve periodo. Il susseguirsi di notizie contrastanti potrebbero trarre in inganno e portare a prendere decisioni azzardate, ma non bisogna perdere la razionalità e seguire il comportamento del gregge (vendere quando il mercato è sui minimi e comprare sui massimi). D’altro canto, il rischio è una caratteristica intrinseca dell’investimento, pertanto, non c’è guadagno nel lungo sé non si è disposti a sopportare alcune oscillazioni momentanee.
  4. Sfruttare la discesa dei mercati. La discesa dei mercati può essere vista come un’opportunità per comprare a sconto. Secondo il celebre Warren Buffett: “Basta avere paura quando gli altri sono avidi, ed essere avidi quando gli altri hanno paura.” Infatti, il rischio che si sostiene per aver investito durante una crisi finanziaria, può essere ripagato dalla successiva ripresa di valore degli indici. Basta pensare che il mercato azionario americano, S&P 500, ha perso in media il 14,2% almeno una volta l’anno tra il 1980 e il 2015, ma nonostante ciò, ha chiuso in positivo 27 anni su 36 (il 75% delle volte). Con questa strategia si possono anche mediare i prezzi degli investimenti passati di poco successo, comprando a 5 quello che si aveva comprato a 10, e una volta risalito il prezzo, vendere a 8.
  5. Investire gradualmente e con costanza, per limitare gli alti e bassi dei mercati. Seguendo un Piano di Accumulo si può investire ad intervalli regolari (ad esempio a cadenza mensile) una somma sia fissa che variabile: al calare dei mercati questa somma può aumenta, permettendo di comprare a prezzi ancora più vantaggiosi, con prospettive maggiori sui ricavi. Questo permette di ridurre al minimo il rischio di perdite dovute, ad esempio, dall’aver investito tutto il proprio patrimonio quando i mercati si trovavano ai massimi.
  6. Investire in ciò che si conosce. È fondamentale comprare solo se si pensa che quell’industria si risolleverà dalla caduta del mercato e non solo perché a sconto o per seguire la massa. Va detto poi che la maggioranza degli investitori raggiunge i propri obiettivi con strumenti finanziari comuni, solitamente più semplici da capire, evitando di addentrarsi in quelli complessi, più consigliati per gli addetti ai lavori.
  7. Diversificare il portafoglio. La prima regola da seguire quando si investe: non mettere tutte le uova nello stesso paniere. La diversificazione permette di evitare i rischi di concentrazione e preservare il proprio patrimonio dai crolli di mercato. I fondi comuni di investimento sono strumenti finanziari che offrono un elevato livello di diversificazione, grazie alla contemporanea presenza di centinaia di titoli sparsi in diverse aree geografiche e settori industriali.

Anche se la storia ci insegna che le correzioni dei mercati si possono verificare con regolarità, il 2020 è stato un anno unico nel suo genere per la violenza della volatilità. Non bisogna però farsi prendere dal panico e prendere decisioni affrettate: la tendenza generale di lungo periodo è sempre di crescita.

Nell’investimento è fondamentale rimanere razionali e fedeli ai proprio obiettivi iniziali di investimento, mantenendo un’ottica di lungo periodo, per essere meno sensibili alle oscillazioni di breve. Se si ha costanza e pazienza e si continua ad investire sapientemente sfruttando le opportunità offerte dai mercati, si può arrivare a costituire un portafoglio a prova di pandemia.

Nel caso in cui te la fossi persa, abbiamo parlato proprio di questo tema nell’ultima puntata di Gimme5 Live, la nostra diretta streaming che puoi seguire tutte le settimane dai nostri canali Youtube, Facebook e Twitch, o dal nostro sito.

 

Se non vedi il video clicca qui.